Magnetoterapia. Vuoi combattere dolori, infiammazioni, osteoporosi?

Ricerca e innovazione, made in Italy.

CAMPI DI APPLICAZIONE

Differenti tipi di trattamento

Le nostre macchine dispongono di molti programmi per differenti tipi di trattamento, sono efficaci, semplici e facili da utilizzare direttamente nel proprio domicilio. Nei manuali di istruzioni è possibile trovare per ogni programma l’illustrazione indicativa di come mettere i diffusori. La selezione dei programmi, la durata e la frequenza sono già preimpostate così che il cliente non possa fare errori. La selezione del programma più adatto è estremamente facile.

Ecco una panoramica delle patologie trattabili con la magnetoterapia e dei protocolli pre-installati sul dispositivo.

  • Algia metatarso
  • Artrite
  • Artrosi
    all’anca
    alla caviglia
    cervicale
    del ginocchio
    del gomito (del tennista)
    dorsale
    generale
    lombare
    mano
    polso
    spalla
  • Borsite
  • Condropatia femoro-rotulea
  • Contusioni (muscolari)
  • Discopatia
  • Distorsioni ginocchio
  • Distorsioni
  • Dolore
    agli arti
    al gomito
    al polso
    alla mano
    alla caviglia
    cervicale
    alla colonna vertebrale
    da coxartrosi
    del muscolo deltoide
    del muscolo quadricipite
    del sistema scheletrico
    schiena
    spalla
    lombosacrali
    muscolari
    della pianta del piede
    vertebrali
    dorsalgia
    (origine muscolo/scheletrica)
  • Ematomi (muscolari)
  • Ernia del disco
  • Fascite plantare
  • Fibromialgia
  • Fratture
  • Fratture nasali
  • Infiammazioni articolari
  • Lesione del menisco 1
  • Lesione del menisco 2
  • Lombalgia
  • Lussazioni
  • Lesione del menisco 1
  • Lesione del menisco 2
  • Lombalgia
  • Lussazioni
  • Periartrite (lesioni della spalla)
  • Postumi
    da fratture
    da lesioni
  • Reflessologia plantare
  • Ritardata formazione del callo osseo
  • Sindrome del tunnel carpale
  • Strappi muscolari
  • Talalgia
  • Tallonite
  • Tendinite
  • Tendinite del rotuleo
  • Terapia night (osteoporosi)
  • Torcicollo
  • Malattie reumatiche
  • Mialgia del trapezio
  • Osteoartrite del ginocchio
  • Osteoartrite della mano
  • Osteoporosi

Cenni storici

L’utilizzo dei magneti come sistema di cura è molto antico. Nel XVI secolo, l’alchimista e medico svizzero P.A. Paracelso iniziò a mettere in luce le potenzialità curative del magnete, ritenendo che qualsiasi parte del corpo esposta alla forza magnetica sarebbe stata curata meglio e più rapidamente. Samuel Hanemann, padre dell’omeopatia, era pienamente convinto del valore terapeutico dei magneti. Diceva infatti: “un bastone magnetico può curare velocemente e per sempre malattie più gravi per le quali è una medicina appropriata se posto vicino al corpo per un tempo anche molto breve”. Il concetto di “campo magnetico” nasce solo con il fisico e chimico Michael Faraday (1791-1867). Egli fu il primo in Europa a studiare le proprietà del magnete e pose le fondamenta della biomagnetica e della magneto-chimica. Attorno alla metà del XX secolo, l’interesse per la guarigione magnetica si è diffuso in diversi paesi come India, Russia e Giappone.

Solo da pochi decenni i campi magnetici sono utilizzati a scopo terapeutico in strutture sanitarie pubbliche e private.